La Domenica dei SanMarchini. Novembre 2021.

La “Domenica dei San Marchini” raccontata da Antonio Erre

Cenone Sociale

  • Ieri mi sono iscritto al Cenone Sociale, che sarà il 18 dicembre prossimo.
    Dopo tutto il caos di due anni di pandemia ci voleva finalmente.
    Bene. Non solo ho dato l’adesione, ma l’ho pure sognato stanotte.
    L’ho vissuto in sogno….ma non un cenone già passato, degli anni scorsi, no!. Ho sognato proprio il prossimo, ho dato insomma una occhiata al futuro. Roba da oniromanzia.
    Ecco come è andata:
    Parecchie tavolate piene di gente, di allegria, di portate, di vino.
    Gente (amici) inizialmente con la debita mascherina, poi via via ci si è rilassati.
    Si è iniziato col discorso del Pres Apo, che è andato accalorandosi e gongolando (lo vedo ancora davanti a me!) man mano che stendeva i successi SanMarchini.
    Ha steso sul tavolo cenni esaltati sull’impareggiabile Massi Milani,
    Sussurri d’affetto per la mundial Cristina Maria Guzzi,
    sull’attenti per l’uomo di ferro Pietro Tuzzo,
    con sguardo ammirato sull’interminabile Vince Durante.
    Ha preso la parola anche Enri Traietz, giusto per un pensierino rivolto a chi ci ha lasciato, i presidenti Fausto Tovaglieri








    e Claudio Ronchetti,
    affinchè chi ha tanto dato alla Società non cada nell’oblio, e Fiorangela Colombo
    che per sua somma modestia ha rifiutato la carica di Presidentessa della San Marco, che avrebbe ampiamente meritato.

    La serata è continuata fra una portata e l’altra, un bicchiere di rosso alternato ad uno di bianco, per non fare preferenze.
    Angelo microfono e dolcissima poesia.

    Stefano

    presenta con qualche brano il suo nuovo libro.

    Quindi le premiazioni a vario titolo, distribuite dai due Vice-Pres, Marco e Alessandro, che si sono alternati al microfono.
    In chiusura la tombolata annuale, dove si è vinto per estrazione i premi più strani, un mazzo di carte, una confezione di birre. Il mio vicino di tavolata ha vinto una frusta, ancora nella sua custodia, mai usata, neanche per farla schioccare nell’aria.
    Ma a questo punto il sogno si fa nebbioso, le immagini si sovrappongono, non  vedo molto chiaro. E vi giuro che non ho bevuto!!
    Ora sono curioso di constatare se le mie arti divinatorie abbiano veramente aperto una finestra di preveggenza.
    Lo vedremo il 18 Dicembre.

Lago Maggiore Marathon.
Martignoni, 3.13.43
Al di là delle più rosee previsioni, dice. Era più di un anno e mezzo che non preparava distanze simili.

Lago Maggiore . 33 Km.
Maria Cristina Guzzi, 2.52.24.

Lago Maggiore Half Marathon
Lorenzo Alari, 1.22.09
Laura Maffioli, 1.49.41. Terza di Categoria!!
A podio? E chi ne dubitava!

Trail Terre di Mezzo. 22 km. Notturna.
Buia notte, aria frizzante, lampada in fronte.

Incappucciati, foschi, a passo lento,
in tre risalgono e discendono sotto il ciel d’argento:
Gaetano Covizzi, 2.30.18








Maddalena Spadotto, 2.54.39

Daniela Novo, 2.54.39

 

 




IVV

I nostri si sono suddivisi fra
l’IVV di Lurago Marinone, condotta da Christian Colombo, con 17 iscritti,
e l’IVV di Bollate