La Cardacrucca di Gianni

La mia prima volta alla Cardacrucca
Ho corso spesso a Tornavento con gli amici; sono strade che mi piace ripercorrere, specie lungo il canale ed il Ticino. E poi non c’è nulla di meglio di fermarsi in piazzetta a sorseggiare una buona birra, tra le risate con gli amici e la contemplazione del panorama. Per svariate ragioni , non ero mai riuscito a presenziare alla Cardacrucca prima , ma quest’anno non avrei potuto mancare, decidendo quindi che il mio rientro post operazione doveva essere proprio qui a Tornavento. Ritrovo con gli amici a Busto Arsizio, e via verso il ritrovo. Io, Miriam, Cristina e Gabriele faremo la gara corta, mentre Maddy, Beppe e Lucia saranno impegnati sulla distanza dei 15 km.
Ritiro pettorale e maglia della gara, ci si prepara, caffè di rito e pronti alla partenza. Alle 9:30 puntuali lo sparo, vado via tranquillo, non avendo intenzione né di forzare né tantomeno di guardare il GPS. Dopo il primo km lungo via Gaggio, il serpentone di runners si sgrana un po’ e piano piano raggiungo Cristina e Gabriele, mentre Miriam è leggermente avanti. Arriviamo al ristoro velocemente, senza quasi accorgersi di aver percorso 4 km. Ripartiamo dopo un sorso d’acqua,e io mi sciolgo un po’ visto che non sento né fastidio né tantomeno dolore alla parte operata. Io e Miriam ci mettiamo davanti a chiacchierare e in un amen siamo già alla vecchia Dogana Austro-ungarica. Giriamo a sinistra, ultimo km e poi volata finale per arrivo in piazzetta, sereno per aver corso facilmente senza fastidio. Ringrazio Miriam, Cristina e Gabriele per la compagnia; vado a cambiarmi e ritorno in piazzetta ad aspettare gli amici che hanno scelto il percorso più lungo.
Opto subito per una bella birretta, in compagnia di Salvatore. Arrivano Tuzzo e Roberto, poi Faust e infine anche Maddy e Beppe. Offro loro un sorso di birra per essere proprio recuperare subito dopo le fatiche.
Tutti soddisfatti, chi ha fatto fatica, chi meno, ma ben contenti di aver passato una bella domenica mattina in compagnia; tra fatica e risate.
Per quanto mi riguarda, aspetto l’anno prossimo per allungare la distanza e schierarmi al via dei 15 km.
Gara che consiglio davvero a tutti quelli che non abitano in zona perché il percorso merita davvero. Chi è di queste parti, ritorna sempre con piacere!
Buone corse,
Gianni Colombo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *